#TourismeDurable
Demande d'envoi de la feuille de chou et inscription Newsletters

Favorevoli o contrari ad Airbnb ?

| Publié le 30 juillet 2017
Thèmatique :  Acteur privé   Bons plans   Initiative nationale   Tourisme de masse 
             

New York è in fibrillazione, Berlino lo vieta, Parigi lo regolamenta e i fornitori di hosting tradizionali non riescono più a regolarlo. E chi è? Airbnb, ovviamente. La piattaforma di affitti online continua a fare notizia. Il problema non è così semplice come sembra e solleva la questione più ampia dei diritti e dei doveri di un’economia collaborativa (o meno!) sempre più minacciata dagli eccessi di pochi speculatori che si arricchiscono a spese di professionisti soffocati da tasse e norme.

Marseille
Benvenuti a @GClastres!

Progressi dei fulmini

Per i giovani, che hanno spesso adottato Airbnb come un modo pratico e semplice per trovare alloggio ai quattro angoli del mondo, è difficile immaginare un mondo senza di esso. Eppure il portale ha appena nove anni e, in meno di dieci anni, è diventato il primo albergatore del mondo, con oltre 1,5 milioni di camere in affitto in tutto il pianeta: un vero e proprio tsunami che inevitabilmente suscita domande. Solo a Parigi, principale destinazione turistica del gruppo, la società di noleggio online offre più di 50.000 camere, contro le 80.000 degli hotel tradizionali.

Di più

Airbnb è pratico per gli utenti, che possono trovare una serie di offerte allettanti a tutti i prezzi in tutto il pianeta, ma è anche il piccolo extra che chiude il mese per molti utenti, che affittano una stanza o un appartamento due o tre volte l’anno, per regalarsi una vacanza o un luogo che il loro tenore di vita non avrebbe necessariamente permesso, e a volte usando Airbnb come ospite a sua volta… Inoltre, il portale crea collegamenti e scambi, con viaggiatori da tutto il mondo che possono arrivare a pernottare davanti alla vostra porta di casa. Tutto questo dà una seconda vita agli appartamenti, che vengono regolarmente mantenuti, puliti e abbelliti. Inoltre, l’utilizzo del portale è flessibile, pratico e privo di vincoli, sia per il locatore che per il futuro inquilino. E si finisce per diventare un vero e proprio ambasciatore del quartiere, trovando i migliori ristoranti, negozi e cose da vedere e da fare per i futuri ospiti. In breve, è una situazione vantaggiosa per tutti, no? Ma attenzione…

Marseille
@GClastres

Meno

Tutto andrebbe bene nel migliore dei mondi se il meglio non fosse a volte nemico del bene. Airbnb è un caso emblematico: il suo folgorante successo ha finito per sconvolgere tutte le regole del gioco. Il risultato per le città è un mercato degli affitti che sta diventando sempre più sottile e problematico, tanto da spingere la città di Berlino a vietare del tutto Airbnb, vista la difficoltà di trovare alloggi in città. Il problema era già sorto nel 2014 a New York, con la creazione del collettivo « Share Better » che denunciava gli effetti perversi del sito, a causa della pressione che esercitava sugli affitti più bassi, con molti newyorkesi che faticavano a trovare appartamenti a prezzi accessibili. Per sedare il conflitto, Airbnb ha rimosso dai suoi annunci 2.000 proprietà che non rispettavano i suoi standard. Altri perdenti sono i fornitori di alloggi tradizionali, che sono stanchi di norme e tasse e si lamentano regolarmente della concorrenza sleale che Airbnb sta creando sul mercato. La principale organizzazione dei datori di lavoro del settore alberghiero e della ristorazione (UMIH*) ha denunciato l' »industrializzazione » di queste pratiche: secondo loro, il 20% degli annunci parigini sul sito americano proviene da proprietari di multiproprietà e rappresenta un terzo del fatturato di Airbnb. Va sottolineato che Airbnb non danneggia solo gli interessi privati, ma potrebbe anche avere un impatto disastroso sull’occupazione, perché mentre la piattaforma impiega circa 3.000 persone, potrebbe costare il posto a migliaia di lavoratori del settore alberghiero in tutto il mondo.

* Leggete l’eccellente ITW pubblicato dal nostro partner TV5Monde con Karim Khan, presidente della sua Commissione per lo Sviluppo Sostenibile – L’UMIH sta intensificando il suo impegno per lo sviluppo sostenibile

La via di mezzo?

Allora, Airbnb è una sharing economy… o no? Intervistato da Le Monde nel giugno 2015, Michel Bauwens, ex direttore d’azienda che da dieci anni studia l’economia collaborativa, afferma: « Dobbiamo fare attenzione al vocabolario che usiamo. La ‘sharing economy’, che io chiamo ‘peer-to-peer’, dove gli individui si organizzano per creare un bene comune, ha un grande potenziale emancipativo. Ma Uber (in questo caso Airbnb!) non fa parte di questa « economia collaborativa » o « di condivisione » (…) Questo crea squilibri e con essi insicurezza. Quando Uber (in questo caso Airbnb) si stabilisce a Parigi, i profitti vanno ai suoi azionisti della Silicon Valley. Queste aziende sono competitive perché competono con gli albergatori e i taxi parassitando l’infrastruttura esistente. Non devono investire nella costruzione di automobili o alberghi. Questo dà loro un enorme vantaggio, perché catturano il valore aggiunto da questa efficienza. C’è un pericolo reale, a causa del modo in cui questo fenomeno viene inquadrato…. « 

Marseille
Sul fuoco… @GClastres

I tentativi di regolamentare, legiferare, equilibrare…

Consapevoli dell’importanza di legiferare, le autorità pubbliche, che inizialmente non volevano chiudere la porta a una nuova modalità di consumo interpersonale molto apprezzata dal pubblico, sono ora alla ricerca di soluzioni per ripristinare l’equità nella catena del valore. A Parigi, dall’autunno 2015, il Comune ha imposto alle società americane il pagamento di una tassa di soggiorno sugli alloggi affittati. Inoltre, la legge Lemaire sta cercando di imporre la registrazione degli affittuari presso il municipio e i siti web di affitti turistici dovranno trasmettere al fisco tutti i dati relativi ai loro clienti, con un aumento del numero massimo di giorni autorizzati per l’affitto a 120. A Berlino, oltre al divieto di affittare alloggi se non fanno parte di un’abitazione più grande, il consiglio comunale – che non ha i mezzi per controllare e modificare tutto – ha invitato i vicini a informarsi reciprocamente. È una triste svolta se si pensa che Airbnb avrebbe dovuto creare legami…

Sono possibili altri modi più equi

Per riportare l’equità e la ragione in un dibattito a volte così acceso e in cui gli esempi abbondano che questo articolo non potrà mai essere esaustivo, si stanno esplorando diverse strade, dimostrando che i servizi collaborativi, ben gestiti e ripensati, possono essere una soluzione per tutti quando non vanno solo a vantaggio di interessi particolari, azionisti privati e quelle grandi piattaforme che non hanno più un nome. A Seul, per esempio, il consiglio comunale ha scelto di vietare Uber a favore di un’applicazione locale, che offrirà funzioni simili ma applicate ai taxi ufficiali, impedendo così a una società americana di gestire i trasporti in una città asiatica. Un’altra opzione, piuttosto che piattaforme provenienti dall’altra parte degli oceani che catturano i dati, è quella di creare cooperative di utenti o municipali, stimolando così l’economia locale. Michel Bauwens, citato da Le Monde: « Potremmo immaginare che gli utenti si uniscano per creare cooperative di dati, piattaforme che non sono più capitalistiche come oggi, ma collettiviste, dove ognuno è proprietario o comproprietario dei propri dati e del reddito che genera. Una piattaforma vuota non ha valore. Sono gli utenti a co-creare il suo valore, eppure troppo spesso il 100% di questo valore di scambio viene catturato dai proprietari dello strumento. Dobbiamo passare dal capitale estrattivo, che cattura il valore dei beni comuni senza restituire nulla, al capitale generativo, in cui chi contribuisce ai beni comuni crea la propria economia etica« .

Marseille
Beviamo qualcosa? @GClastres

In conclusione

Quindi, pro o contro Airbnb? In definitiva, è un’idea eccellente. Alcune persone ne traggono legittimamente profitto nel loro piccolo. Il problema sono sempre i margini, gli eccessi, ed è lì che dobbiamo ristabilire l’equilibrio. E poi sta a noi essere inventivi, immaginare altri modi, altre modalità di affitto, perché non uno, dieci, venti Airbnb etici e locali, un fairAirbnb come c’è un fairBooking, un’alleanza equa che tenga conto anche degli interessi delle città, del mercato degli affitti e dei fornitori di alloggi, senza però soffocare la flessibilità di questi portali che aprono la porta ad altre strade, e che spingono anche professioni consolidate a mettersi in discussione e ad aprirsi a nuovi clienti. Il dibattito è vasto e noi lo abbiamo solo abbozzato, ma sul nostro portale, come sapete, stiamo ancora cercando di trovare il graal dell’equità. Quindi, datevi da fare con le vostre idee: la società civile è un meraviglioso terreno di coltura!

 


Favorevoli o contrari ad Airbnb ? | ©VOYAGEONS AUTREMENT
Par Geneviève Clastres
Auteur et journaliste indépendante spécialisée sur le tourisme durable et le monde chinois, Geneviève Clastres est également interprète et représentante de l'artiste chinois Li Kunwu. Collaborations régulières : Voyageons-Autrement.com, Monde Diplomatique, Guide vert Michelin, TV5Monde, etc. Dernier ouvrage "Dix ans de tourisme durable". Conférences et cours réguliers sur le tourisme durable pour de nombreuses universités et écoles.
Facebook

Partagez cet article

Une autre façon de soutenir Voyageons-autrement, média indépendant, gratuit et sans Pub c'est aussi de partager cet article. Merci d'avance 😉

   

Découvrez nos abonnements

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Informations utiles pour voyager

Revivez les temps forts du salon du tourisme ITB Berlin 2017 Tous les ans, depuis 1966, le plus grand salon du tourisme d'Europe (et du monde?) a lieu en Allemagne : ITB Berlin. Les destinations du monde entier s'y...

Accueil paysan : 33 ans d’ouverture aux autres... et au monde ! Accueil paysan : 33 ans d’ouverture aux autres... et au monde ! ~ par Jerome Bourgine...

Osez le durable ! l'édito de La Feuille de Chou Après le site « Voyageons-autrement.com », le livre « Dix ans de tourisme durable », nous avons le plaisir de vous présenter le petit dernier de la famille, la Feuille...

Samboat : Voguer où on veut, quand on veut, sur ce qu’on veut La plateforme AirBnB de la location de bateaux entre particuliers ~ par Elisabeth Blanchet...

Accueil paysan Provence Alpes Côte d'Azur, les femmes en 1ère ligne! Agriculture et tourisme se conjuguent au féminin avec accueil paysan PACA ~ par Guillaume Chassagnon...

2e opus des Assises du Tourisme durable à Paris & Cap sur les JOP ! Le 2ieme opus des Assises du Tourisme durable a récemment eu lieu à Paris, avec un focus sur la gestion de l'eau, le cyclotourisme et l'hospitalité....

carte de toutes les partenaires de voyageons-autrement voir la carte
L'actu en continu
Les catalogues Voyagiste